Archivio tag: marchi low cost

Moda: la rivincita dei marchi low cost

Ormai è certo: sempre più persone scelgono i marchi low cost per vestirsi. Nonostante la bellezza indiscussa e indiscutibile delle collezioni delle grandi griffes, i prezzi non troppo abbordabili di queste ultime fanno sì che si preferiscano linee più economiche, soprattutto quelle dei grandi marchi low cost. Ed è per questo motivo che da un po’ di anni queste ultime hanno iniziato letteralmente a competere con le grandi firme.

I marchi low cost più apprezzati, per prezzi e originalità, sono Zara e H&M. Zara è una catena spagnola di negozi monomarca che fu creata nel lontano 1975 da Amacio Ortega. Oggi il marchio fa registrare un giro di affari pari a 9 miliardi di euro. Le parole d’ordine sono prezzi bassi e capi alla moda. Ogni singolo modello di Zara, infatti, segue la moda e, in qualche caso, la crea. Collezioni sempre nuove e aggiornate danno al cliente, ma soprattutto alle clienti, una possibilità di scelta molto ampia. L’efficienza che Zara dimostra nella gestione della sua catena logistica è diventata finanche un modello da prendere in considerazione a livello mondiale.

L’altra catena low cost è, invece, la svedese H&M, che nacque nel 1947 a Västerås, grazie ad un idea di Erling Persson. In un primo momento, i negozi vendevano solo capi per donne e si chiamavano Hennes, che in svedese significa proprio “per Lei”. Nel 1968, l’ideatore della catena comprò un negozio di Stoccolma, Mauritz Widforss, che vendeva abiti maschili: nasce così H&M. Molti stilisti hanno riconosciuto in questo gruppo notevoli potenzialità, tanto da proporre delle capsule collection che sono state vendute nei molti store del marchio.

 Tra tutti ricordiamo Karl Lagerfield e Versace, che sta per uscire con la sua collezione. Anche Kate Middletone veste low cost, tanto che ha scelto Zara per la sua prima uscita ufficiale con quello che poi è diventato suo marito.