Archivio dell'autore: admin

Non avevi nessuna idea per Halloween? Impara a colorare i tuoi capelli

Halloween è uno dei pochi giorni dell’anno in cui è possibile sbizzarrirsi con i propri capelli, anche per coloro che normalmente hanno un look più conservatore. Alcuni dei costumi più in voga per Halloween includono quelli da vampiro e da punk, mentre i capelli colorati di colori vivaci possono adattarsi a qualsiasi costume. Naturalmente, i colori adatti per Halloween devono essere temporanei e facilmente lavabili.

Vediamo insieme alcuni esempi che potranno servire per il prossimo Halloween:

– look da vampira

– look da punk

– acconciature con coloranti

Il look da vampiri richiede generalmente capelli neri o molto scuri, magari con una ciocca di un colore diverso come il viola o il rosso. Si tratta di un look piuttosto semplice da realizzare in modo temporaneo, perché scurire i capelli non richiede nessuna precauzione specifica. Sarà dunque possibile scegliere una qualsiasi tintura temporanea e applicarla secondo le istruzioni; bisognerà fare attenzione a scegliere un colore senza ammoniaca e senza acqua ossigenata, che vada via in pochi lavaggi. Inoltre, bisogna fare attenzione se si hanno i capelli molto chiari: in questo caso, infatti, anche i colori temporanei possono talvolta lasciare un alone di colore permanente sui capelli. Quanto alla pettinatura, quella più comune per le vampire è liscia con la riga al centro, in stile Morticia Adams; anche una pettinatura riccia, disordinata e voluminosa può però essere adatta al ruolo, specialmente se si decide di creare un costume da vampiro vittoriano.

I capelli punk sono invece caratterizzati da colori vivaci e vistosi come il blu o il rosso; in questo caso, scegliere una tintura temporanea potrebbe non essere sufficiente per far vedere bene il colore, specialmente se la base è scura. La soluzione migliore per risolvere questo problema consiste nell’usare la tintura spray per capelli, che si fissa all’esterno del capello come una lacca e va via con un solo shampoo. Questi prodotti tendono però a seccare il capello, quindi assicuratevi di fare un trattamento idratante dopo aver fatto lo shampoo. Quanto alla pettinatura, l’ideale sarebbe una cresta o una finta cresta ottenuta con il gel. Se avete i capelli medio-corti, un’altra opzione è quella di creare degli spuntoni con il gel, rendendo la propria pettinatura un vero e proprio omaggio al punk degli anni ’80.

In generale, ci sono diverse opzioni per tingere i capelli in modo temporaneo; la prima consiste nell’utilizzare un gel colorante, come ad esempio il Dyehard di Manic Panic. Si tratta di un gel colorante che permette allo stesso tempo di fissare e colorare i capelli. Dal momento che indurisce con l’asciugatura, è ideale per le pettinature punk o i raccolti. Un’altra opzione è quella della tintura temporanea, che però va via in 8-10 lavaggi e tende a non prendere molto bene sui capelli scuri o non decolorati. Chi invece desidera un colore pastello e ha paura di rovinare i capelli potrà utilizzare un gesso per capelli, disponibile in una varietà di colori. Il gesso ha il vantaggio di non indurire i capelli e non rovinarli, ma tende a trasferirsi sui vestiti e va fissato con la lacca. L’ultima opzione consiste nell’utilizzare extension o clip di capelli finti nel colore che preferiti: si tratta di un’opzione del tutto priva di rischi, perfetta per una serata un pò folle.

Moda bimbi estate 2017

Estate: tempo di vacanze, di svago e divertimento per grandi e piccini e proprio per questi ultimi la moda bimbi estate 2017 ha pensato ad outfit comodi, ideali per le giornate di giochi ma anche per una festa con i propri amichetti.

La moda bimbi estate 2017 parte da una fondamentale parola chiave, sapientemente declinata in look sempre diversi ed ideali sia per le femminucce che per i maschietti: libertà. Libertà di movimento, libertà di sentirsi freschi e comodi, libertà di vivere con spensieratezza i propri momenti di svago senza sentirsi costretti con abiti sbagliati. Le tendenze per questa calda stagione mettono quindi d’accordo grandi e piccoli offrendo ottimi spunti per outfit mai scontati e banali. Vediamone qualcuno.

Femminucce sprint: via libera a fiori e colori

In questa estate 2017 la moda bimbi ricalca in qualche modo le tendenze degli adulti proponendo per le più piccole abiti al ginocchio svasati, canotte, bluse e pantaloni con fondo a tinta unita (solitamente bianco, nero o blu) e grandi fiori variopinti stampati. Questo look, di per sé molto romantico, è invece utilizzabile anche per le giornate più divertenti utilizzando qualche piccolissimo accorgimento: snackers chiare e leggere ai piedi al posto dei sandali o infradito gioiello più indicati per la sera, capelli raccolti in una coda alta comoda e bella da vedere o in una treccia ampia portata su un lato. In questo modo i fiori potranno accompagnare ogni momento della giornata e non solo le occasioni speciali.

Maschietti casual chic: colore e stile pronti all’appello

Per i maschietti, invece, la moda bimbi per questa estate 2017 ha pensato soprattutto a bermuda con risvolti al ginocchio molto trendy da indossare di giorno e di sera semplicemente variando alcuni piccoli particolari. Tra i materiali più in voga per questa stagione, a sorpresa, non troviamo il solito jeans ma gli abiti più chic e raffinati realizzati in cotone leggero ad effetto stropicciato, lino o camoscio. Per una mattinata di divertimento con gli amici, l’idea migliore è abbinare questi comodissimi bermuda con t-shirt stampate nei colori di tendenza di questa stagione ovverosia il corallo, l’azzurro ed il bianco. Per la sera, invece, via libera alle camicie, magari con collo alla coreana, nei colori più tenui come il bianco, l’azzurro ed il beige. L’effetto wow è assicurato.

Roma, la capitale dello shopping

Roma non è solo cultura, archeologia, arte e storia, ma è anche la capitale della moda e delle ultime tendenze. Vie del centro, strade commerciali e centri commerciali, sono tantissime le vetrine da guardare e negozi da spulciare per trovare capi e accessori di qualità, di tendenza e delle grandi firme. Ecco, allora, una serie di dritte per fare spese pazze a Roma.

Al centro commerciale

Roma vanta più di un centro commerciale ricco di negozi e attrattive per i visitatori.  I più grandi a prova di appassionati dello shopping sono: Euroma2 tra viale Oceano Pacifico, via Cristoforo Colombo e via Decima. Conta 230 negozi per una superficie di 51.375 metri quadrati; Porta di Roma nella zona nord della città, conta 220 negozi per 150mila metri quadrati di superficie; Roma Est con i suoi 220 negozi estesi su una superficie di 136mila metri quadrati.

Quindi se vogliamo trascorrere il nostro fine settimana all’insegna dello shopping al centro commerciale Porta di Roma o in uno dei centri commerciali della capitale, potrebbe essere utile prenotare una stanza in un albergo ben collegato o nelle vicinanza nei nostri punti di interesse. Per esempio possiamo scegliere l’hotel La Pergola per un hotel Porta di Roma.

Le vie dello shopping

Come abbiamo detto non ci sono solo centri commerciali a Roma, ma anche tante vie, sia centrali che periferiche, pullulanti di attività. In questa rassegna non possono mancare quelle del Tridente, ovvero le famosissime e costosissime via Condotti, , via Borgogna e via Frattina, ma anche la blasonata via del Corso con le sue traverse fa la sua parte. E ancora, via del Campo Marzio, per chi cerca oggetti di antiquariato e oggetti per la casa, via Margutta, via del Babuino e via di Ripetta per l’abbigliamento e la gioielleria. Ma la carrellata delle vie dello shopping non finisce qui. C’è la via del Pellegrino, prima nota come via degli orafi, la via del Boschetto, ritenuta la più trendy di Roma e il suo mercatino di Monti domenicale dedicato al vintage, via Cola di Rienzo e le vie vicine situate nel quartiere Prati con i loro negozi per tutte le tasche e che accontentano tutti i gusti. Nella stessa zona, in piazza Unità, si trova uno degli ultimi mercati coperti della città. Passeggiare per Roma sarà un piacere anche lungo via del Governo Vecchio, vicino a piazza Navona, dove ci si può sbizzarrire alla ricerca di oggetti e capi vintage, via Guglielmo Marconi, vicino alla stazione Trastevere, via Appia Nuova, da piazzale Appio fino a Largo dei Colli Albani e via Tuscolana per chi opta per il low cost.

Camicie da uomo: i modelli di colletto più diffusi

Il colletto della camicia è uno degli elementi su cui si focalizza maggiormente l’attenzione. Si tratta, infatti, della parte più esposta della camicia, specialmente quando coperta da giacche e pullover. Pertanto, la scelta del collo è fondamentale. Ecco i modelli più diffusi ed apprezzati.

Colletto italiano

Il più diffuso nel nostro Paese, il colletto italiano, detto anche a punte dritte, ha le alette triangolari ed una leggera apertura che svela il primo bottone. Si tratta di un modello semiaperto, a vela media e dotato di stecche estraibili. Le camicie con collo italiano si caratterizzano per la loro grande versatilità. Possono essere indossate in occasioni casual, e, con cravatta, in ambienti business più formali. Questo tipo di collo è adatto anche agli abiti da cerimonia.

Colletto alla francese

Elegante e raffinato, il colletto alla francese è molto aperto, a vela grande e con stecche estraibili, da portare con cravatte con nodi di medie dimensioni che ne riempiano l’apertura. Considerato un modello giovane, attuale e di tendenza, questo colletto ha le alette più aperte rispetto al collo classico e, di conseguenza, lo spazio sottostante, dove si vede il bottone, è più ampio. Le punte molto aperte consentono di sfoggiare un nodo della cravatta più vistoso, come, ad esempio, il nodo Windsor o un papillon. Questo tipo di colletto dona molto agli uomini con il viso dalla forma stretta ed allungata, ed a chi ha una costituzione esile.

Colletto arrotondato

Altresì noto come colletto Club, il collo arrotondato non ha le alette a punta ma arrotondate. Dallo stile ricercato e vagamente British, il colletto Club dona agli uomini dal viso sottile, in quanto le punte arrotondate addolciscono i lineamenti.

Button down

Dotato di due bottoncini con cui chiudere le alette, questo tipo di collo è nato dalla necessità dei giocatori di polo di evitare che le punte delle camicie svolazzassero durante le partite a cavallo. Modello semichiuso con bottoni, da portare aperto o con una cravatta stretta, il collo button down ha un aspetto sportivo ed informale. Con cravatta, è adatto anche a occasioni meno casual, ma se ne sconsiglia l’uso in occasione di cerimonie ed eventi dal tono solenne. Le camicie button down donano a chi ha il collo allungato ed il viso squadrato.

Collo alla coreana 

Perfetto per chi desidera allontanarsi dalle opzioni tradizionali, il colletto alla coreana è basso e composto solo dal solino. La sua caratteristica principale consiste proprio nell’assenza delle alette e delle vele. Non avendo punte, non può essere indossato con una cravatta. Utilizzato in passato prevalentemente per tuniche e camicie da notte, oggi questo tipo di collo conferisce rigore e originalità allo stile di chi sceglie di indossarlo. In grado di donare una sportività trendy adatta alle situazioni informali, una camicia collo coreana in lino in stile casual è perfetta in abbinamento a giacche in pelle e fur. Questo modello è indicato per gli uomini dal collo taurino.

Collo frac o diplomatico

Il collo frac o diplomatico è il modello più elegante, da indossare con lo smoking nelle occasioni formali, come cerimonie nuziali e serate di gala. Ha le alette corte e rigide piegate verso l’esterno e si adatta perfettamente al papillon.

Pin collar 

Il pin collar è un tipo di colletto dallo stile dandy, particolare e ricercato, che prevede l’uso di una spilla-gioiello per unire le alette.