Archivio dell'autore: admin

Roma, la capitale dello shopping

Roma non è solo cultura, archeologia, arte e storia, ma è anche la capitale della moda e delle ultime tendenze. Vie del centro, strade commerciali e centri commerciali, sono tantissime le vetrine da guardare e negozi da spulciare per trovare capi e accessori di qualità, di tendenza e delle grandi firme. Ecco, allora, una serie di dritte per fare spese pazze a Roma.

Al centro commerciale

Roma vanta più di un centro commerciale ricco di negozi e attrattive per i visitatori.  I più grandi a prova di appassionati dello shopping sono: Euroma2 tra viale Oceano Pacifico, via Cristoforo Colombo e via Decima. Conta 230 negozi per una superficie di 51.375 metri quadrati; Porta di Roma nella zona nord della città, conta 220 negozi per 150mila metri quadrati di superficie; Roma Est con i suoi 220 negozi estesi su una superficie di 136mila metri quadrati.

Quindi se vogliamo trascorrere il nostro fine settimana all’insegna dello shopping al centro commerciale Porta di Roma o in uno dei centri commerciali della capitale, potrebbe essere utile prenotare una stanza in un albergo ben collegato o nelle vicinanza nei nostri punti di interesse. Per esempio possiamo scegliere l’hotel La Pergola per un hotel Porta di Roma.

Le vie dello shopping

Come abbiamo detto non ci sono solo centri commerciali a Roma, ma anche tante vie, sia centrali che periferiche, pullulanti di attività. In questa rassegna non possono mancare quelle del Tridente, ovvero le famosissime e costosissime via Condotti, , via Borgogna e via Frattina, ma anche la blasonata via del Corso con le sue traverse fa la sua parte. E ancora, via del Campo Marzio, per chi cerca oggetti di antiquariato e oggetti per la casa, via Margutta, via del Babuino e via di Ripetta per l’abbigliamento e la gioielleria. Ma la carrellata delle vie dello shopping non finisce qui. C’è la via del Pellegrino, prima nota come via degli orafi, la via del Boschetto, ritenuta la più trendy di Roma e il suo mercatino di Monti domenicale dedicato al vintage, via Cola di Rienzo e le vie vicine situate nel quartiere Prati con i loro negozi per tutte le tasche e che accontentano tutti i gusti. Nella stessa zona, in piazza Unità, si trova uno degli ultimi mercati coperti della città. Passeggiare per Roma sarà un piacere anche lungo via del Governo Vecchio, vicino a piazza Navona, dove ci si può sbizzarrire alla ricerca di oggetti e capi vintage, via Guglielmo Marconi, vicino alla stazione Trastevere, via Appia Nuova, da piazzale Appio fino a Largo dei Colli Albani e via Tuscolana per chi opta per il low cost.

Camicie da uomo: i modelli di colletto più diffusi

Il colletto della camicia è uno degli elementi su cui si focalizza maggiormente l’attenzione. Si tratta, infatti, della parte più esposta della camicia, specialmente quando coperta da giacche e pullover. Pertanto, la scelta del collo è fondamentale. Ecco i modelli più diffusi ed apprezzati.

Colletto italiano

Il più diffuso nel nostro Paese, il colletto italiano, detto anche a punte dritte, ha le alette triangolari ed una leggera apertura che svela il primo bottone. Si tratta di un modello semiaperto, a vela media e dotato di stecche estraibili. Le camicie con collo italiano si caratterizzano per la loro grande versatilità. Possono essere indossate in occasioni casual, e, con cravatta, in ambienti business più formali. Questo tipo di collo è adatto anche agli abiti da cerimonia.

Colletto alla francese

Elegante e raffinato, il colletto alla francese è molto aperto, a vela grande e con stecche estraibili, da portare con cravatte con nodi di medie dimensioni che ne riempiano l’apertura. Considerato un modello giovane, attuale e di tendenza, questo colletto ha le alette più aperte rispetto al collo classico e, di conseguenza, lo spazio sottostante, dove si vede il bottone, è più ampio. Le punte molto aperte consentono di sfoggiare un nodo della cravatta più vistoso, come, ad esempio, il nodo Windsor o un papillon. Questo tipo di colletto dona molto agli uomini con il viso dalla forma stretta ed allungata, ed a chi ha una costituzione esile.

Colletto arrotondato

Altresì noto come colletto Club, il collo arrotondato non ha le alette a punta ma arrotondate. Dallo stile ricercato e vagamente British, il colletto Club dona agli uomini dal viso sottile, in quanto le punte arrotondate addolciscono i lineamenti.

Button down

Dotato di due bottoncini con cui chiudere le alette, questo tipo di collo è nato dalla necessità dei giocatori di polo di evitare che le punte delle camicie svolazzassero durante le partite a cavallo. Modello semichiuso con bottoni, da portare aperto o con una cravatta stretta, il collo button down ha un aspetto sportivo ed informale. Con cravatta, è adatto anche a occasioni meno casual, ma se ne sconsiglia l’uso in occasione di cerimonie ed eventi dal tono solenne. Le camicie button down donano a chi ha il collo allungato ed il viso squadrato.

Collo alla coreana 

Perfetto per chi desidera allontanarsi dalle opzioni tradizionali, il colletto alla coreana è basso e composto solo dal solino. La sua caratteristica principale consiste proprio nell’assenza delle alette e delle vele. Non avendo punte, non può essere indossato con una cravatta. Utilizzato in passato prevalentemente per tuniche e camicie da notte, oggi questo tipo di collo conferisce rigore e originalità allo stile di chi sceglie di indossarlo. In grado di donare una sportività trendy adatta alle situazioni informali, una camicia collo coreana in lino in stile casual è perfetta in abbinamento a giacche in pelle e fur. Questo modello è indicato per gli uomini dal collo taurino.

Collo frac o diplomatico

Il collo frac o diplomatico è il modello più elegante, da indossare con lo smoking nelle occasioni formali, come cerimonie nuziali e serate di gala. Ha le alette corte e rigide piegate verso l’esterno e si adatta perfettamente al papillon.

Pin collar 

Il pin collar è un tipo di colletto dallo stile dandy, particolare e ricercato, che prevede l’uso di una spilla-gioiello per unire le alette.

Moda millennials, è mania per i fiocchi

Le nuove generazioni dettano legge in fatto di moda e style e la nuova mania delle millennials è quella per i fiocchi. Prepariamoci quindi a una nuova stagione calda fatta di fiocchi sulle scarpe, sui vestiti, sulle maglie e perfino sui pantaloni. Una tendenza adatta allo stile per tutti i giorni, anche per la scuola, ma anche ad esempio per una festa dei 18 anni a Roma, capitale della moda italiana assieme a Milano. Ma vediamo con attenzione quale sarà la tendenza che avrà per protagonisti i fiocchi.

 

Se un tempo venivano considerati troppo romantici o mielosi, o comunque inappropriati per uno stile più punk che sweet, oggi i fiocchi tornano in grandissima auge, facendo così innamorare tutte le Millennials. Possono essere molto grandi, oppure mignon, possono essere sofisticati e di dimensioni importanti, oppure microscopici come applicazioni su un abito o su una maglietta. Per la primavera 2017 ce ne sono davvero per tutti i gusti e per ogni esigenza, dai più romantici ai più rock. E i fiocchi vestono innanzitutto le scarpe della prossima stagione, da quelle con il tacco alle ballerine, fino alle scarpe più sportive.

Dal look per tutti i giorni e le scarpe cosiddette slip on, comode e versatili per andare a passeggio o a lavoro o anche per viaggiare, i fiocchi calzano a pennello su questa scarpa molto attuale e fashion per la prossima stagione. In questo caso i fiocchi sono grandi, in genere, e queste calzature sono indicatissime con un bel paio di jeans che finiscano più su della caviglia.

Di grande tendenza per la stagione più calda dell’anno anche i sabot, scarpa che sarà rivisitata in chiave “fiocco” e quindi sdrammatizzata. E lo stile del sabot quest’anno è molto anni Ottanta, con tacchi a stiletto e maxi dettaglio sopra. Atmosfera vintage ma molto chic per questa scarpa che, anche a seconda del tacco, va bene di giorno o per la sera.

Poi naturalmente ci riempiremo di sandali con tanti fiocchi da farci venire la nausea. Super fiocchi che copriranno le dita, incrociati, lisci, mignon o maxi ce n’è davvero per tutti i gusti. In questo caso prepariamoci a fiocchi oversize sopra il collo del piede, oppure dietro la caviglia. Visti anche sulle passerelle dei grandi stilisti per la moda primavera/estate 2017.

Un altro modello di calzature che ci farà letteralmente impazzire saranno le slides, sempre con tanto di fiocco sopra. Cosa sono le slides? Semplicissime, ma irresistibili ciabatte estive. Pantofole le avremmo chiamate in un’altra epoca, in questa le chiamiamo slides e fanno anche molta tendenza.

Moda uomo scarpe 2017/2018

Dinamismo ed eleganza si fondono in un’unica soluzione grazie all’incrocio di generi e categorie che rendono del tutto singolari le tendenze maschili in fatto di calzature. Per uno stile impeccabile e glamour, per serate da trascorrere presso i locali più in della Capitale, tra i quali certamente rientra l’Art Cafè a Roma, il leitmotiv della stagione invernale sembra essere l’eleganza.

 

Ecco che Brunello Cucinelli, maestro della bellezza classica e pura, propone hiking boots confezionati in morbida pelle che si sposano perfettamente con capispalla a costine e tessuti in puro cotone che vestono e fasciano morbidamente i piedi, lasciandoci intravedere che la moda sta davvero cambiando.

 

Anche il noto brand Hogan sembra rivolgere la sua attenzione alle montagne, proponendo una sneaker da urban climber che presenta un substrato in neoprene, materiale a cui si riconoscono mille qualità e una grande versatilità nell’utilizzo, perché la scarpa aderisca meglio all’asfalto. Burgundy e cammello sono, invece, i colori scelti da Car Shoe per le sue calzature da scalata che non rinunciano all’inconfondibile e caratteristica eleganza di questo brand italiano, il cui marchio, brevettato da Gianni Mostile, è certamente uno dei più emblematici e sofisticati del panorama nostrano.

 

Un ulteriore passo avanti per Santoni che con il modello Dip porta ad uno stadio superiore le sneaker. Un total black a contrasto con una para alta, ideale sia in abbinamento con un pantalone dal taglio classico sia per il tram tram cittadino, per un uomo sempre pronto ad affrontare qualsiasi situazione gli si proponga.

 

I Clash e il loro genere musicale sono fonte d’ispirazione per la collezione di Jimmy Choo che per la stagione 2017/2018 getta il suo sguardo su tutto ciò che di anarchico e fuori dai consueti schemi la musica inglese abbia mai prodotto. Ecco che nascono scarpe stringate realizzate rigorosamente in pelle lucida che fanno del dettaglio il loro cavallo di battaglia, ne sono un indiscutibile esempio le stelle in metallo che si trovano sulla parte laterale della calzatura.

 

Rimanendo in “tema musicale” non si può non pensare alla rivisitazione del classico stivaletto effettuata dal noto brand Tods: pellami pregiati, spazzolati e con un ricercato effetto incrostato per scarpe che presentano nella parte sottostante una suola a contrasto realizzata in gomma.

 

Queste le tendenze maschili per la stagione fredda. Una schietta eleganza che non abbandona, ma anzi esalta, il dinamismo dell’uomo moderno al passo con tanti impegni.